Trieste Magica

Il 3 dicembre 2006 Trieste Magica ha presentato la Conferenza - Spettacolo "Houdini" presso la sala "Primo Rovis" della Pro-Senectute di Trieste.

Queste sono alcune foto degli artisti che si sono esibiti contribuendo con la loro magia alla conferenza.

       

L'addetto alla sicurezza controlla Anthès per assicurarsi che non abbia strumenti nascosti che lo aiutino nella fuga dal sacco postale come novello emulo du Houdini.

   

I due addetti alla sicurezza dopo aver incatenato Anthés si preparano sigillarlo dentro al sacco postale.

 

Alcuni momenti della chiusura degli ultimo lucchetti.

   

2 minuti e 19 secondi per liberarsi da numerosi metri di catena, più di 10 lucchetti e ben 8 manette legate attorno ai suoi polsi. Ora le manette da cui si è liberato formano un unica catena grazie all'incredibilie abilità e resistenza di Anthès.

 

I due presentatori e conferenzieri della serata, DaveD e Ghibli, mentre illustrano la vita di Houdini accompagnati da una interessante presentazione video.

 

   

Nevio Martini nei panni del giovane Houdini che si cimentava con la magia "classica" prima di prendere la strada dell'escapologia.

Nevio Martini sempre nei panni di Houdini con un effetto di carte che si conclude con una spettacolare fontana dal suo cilindro.

   

I conferenzieri alle prese con un simpatico quanto incredibile effetto di escapologia "spicciola".

Angelius nei panni di un buffo Houdini (effettivamente Houdini non era buffo, ma noi dobbiamo accontenterci di Angelius) pron to a tuffarsi nell'Hudson liberandosi dalle catene che lo bloccheranno.

 

   

Angelius sul fondo dell'Hudson (stranamente popolato da stelle marine e pesci tropicali, ma si sa con Angelius le cose sono sempre un po' strane...) che cerca di liberarsi dalle manette che lo bloccano.

Un esperimento di Step per la lettura del pensiero con l'aiuto di Houdini.

   

Sempre Step che spiega al pubblico l'eperimento che si accingerà a compiere.

 

Gli artisti ed i conferenzieri alla fine della splendida serata, molto apprezzata dal pubblico anche per la sua formula inconsueta di conferenza spetttacolo.